Vendemmia 2017, -25% per le Marche

Nel pieno della vendemmia, il rapporto di Assoenologi e Istat sulla produzione di uva da vino nel 2017 è chiara e quasi drammatica con dati che parlano di un calo addirittura del 25% rispetto alla media degli ultimi 5 anni.

Le Marche, in cui le colline Picene rappresentano una zona di produzione fondamentale di vino, stanno vedendo un raccolto decimato che in numeri si tramuta in una perdita di ben 240 mila ettolitri. ( 958mila ettolitri di media negli anni 2012/2016 in confronto ai 710mila previsti per la vendemmia 2017 ). La causa di questo fenomeno è da attribuire al clima torrido con temperature alte di diversi gradi sopra la media che è stato protagonista dagli inizi di maggio per tutto il corso dell’estate sino ai giorni odierni. Le esigue risorse idriche unite all’assenza di precipitazioni nel periodo di crescita e maturazione dell’uva hanno portato ad una siccità fatale per la salubrità, la qualità e la quantità di quest’ultima.

Esperti del settore dichiarano infine che questa vendemmia sarà la più scarsa dal lontano 1947 ed addirittura andrà peggio di quella del 2012 che è stata la peggiore degli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *