Tribunale di Ascoli, Denny Pruscino dovrà risarcire 20mila euro alla moglie Katia

ASCOLI PICENO – Danny Pruscino è stato condannato dal Giudice Marco Bartoli in seguito ad un’accusa di violenza sessuale di gruppo nei confronti della moglie Katia.

Il fatto venne fuori durante l’inchiesta per l’omicidio del figlio Jason, il cui corpo non fu mai ritrovato da sette anni a questa parte.

Danny, assieme ai suoi due fratelli, fu accusato di aver costretto la moglie Katia ad avere rapporti sessuali con i tre. L’uomo fu già condannato all’ergastolo per l’omicidio con occultamento di cadavere del piccolo Jason. I fatti risalgono al 2011 quando il bambino viveva assieme ai suoi genitori a Piane di Morro, frazione del Comune di Folignano.

Anche la madre fu condannata a 18 anni di reclusione. Alla donna ora spetta un risarcimento danni pari a €20.000 per le violenze subite da parte del marito che va ad aggiungersi ad una condanna di sei anni e mezzo nei confronti di quest’ultimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *