Bellini shock: “Forse giocheremo in un’altra città”

Ascoli Piceno – Mentre erano in corso i festeggiamenti in campo e negli spogliatoi, il patron dell’Ascoli è arrivato in sala stampa per le consuete interviste.

Nel ringraziare i tifosi, la squadra e il mister, non è però passata inosservata una frase che è stata una doccia fredda per i tifosi: “Lo stadio non è a norma, nella prossima iscrizione saremo costretti ad indicare l’impianto di un’altra città per le partite casalinghe”.

L’augurio è che la velata minaccia possa essere in realtà uno sprone per l’amministrazione comunale in maniera da ottenere i lavori necessari all’adeguamento.

I rapporti tra società e sindaco sono ai minimi storici, ma un accordo per la convenzione sul “Del Duca” appare quantomai necessario ed urgente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *