La brutta figura di Bellini, lo stadio c’è

Ascoli Piceno – Il comunicato societario di qualche giorno fa aveva messo in allarme l’ambiente bianconero. Dapprima l’intervista in cui il presidente minacciava di dover giocare in un’altra città, poi seguita dalla nota del club che annunciava l’inadeguatezza del Del Duca per le partite del campionato di Serie B.

In verità il problema è rientrato quasi subito, in quanto l’unico problema del Del Duca risulterebbero essere i seggiolini mancanti. La normativa ne prevede 5500 (1500 già presenti in Tribuna). Un problema comunque facilmente risolvibile e con una spesa limitata. Secondo il sindaco Castelli la cifra si aggirerebbe intorno ai 60mila Euro, pari al canone annuo dello stadio pagato dalla società, e da accordi già intercorsi con Cardinaletti, non ci sarebbero stati problemi per i seggiolini.

Esisterebbe anche una proroga per gli stadi dei comuni all’interno del cratere del terremoto, che addirittura potrebbe far concedere la licenza di Serie B anche allo stato attuale del Del Duca,

In virtù di ciò non si riesce bene a capire come mai la società abbia emesso un comunicato così duro, in un momento societario così delicato, e con affermazioni tali da far infuriare la tifoseria ascolana, già da tempo indispettita per le dichiarazioni altalenanti del patron sui giornali e per la stagione appena conclusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *