Nella notte incursione con atti vandalici alla festa della Lega

Ascoli Piceno – Secondo una nota giunta in redazione dalla Lega di Ascoli, durante la notte, un gruppo di ragazzi avrebbe fatto un’incursione alla festa della Lega, che per 3 giorni si trova al Chiostro di San Francesco. I ragazzi, con accento dell’est e con a capo un uomo di colore, avrebbero vandalizzato alcuni suppellettili e insultato la vigilanza.

“Una banda di ragazzi dell’est capeggiati da un giovane di colore, hanno danneggiato l’area all’interno del Chiostro di San Francesco. Hanno pesantemente offeso i vigilanti, danneggiato alcune suppellettili e strappato i manifesti. Evidentemente hanno così il terrore del Decreto Sicurezza predisposto da Matteo Salvini che la rabbia li porta anche a questo. Adesso verificheremo, con le forze dell’ordine, le riprese delle diverse telecamere presenti”. A raccontarlo è Roberto Maravalli, segretario cittadino della Lega di Ascoli.

“In qualità di responsabile provinciale della Lega – ha aggiunto Andrea Antonini – non posso che ribadire la fermezza e la necessità che questo Paese sia liberato dallo spettro della paura. Ben venga quindi il Decreto Salvini sulla sicurezza che già ieri sul palco il nostro Commissario regionale Sen. Paolo Arrigoni e il Sottosegretario all’Interno, Sen. Stefano Candiani, hanno ben illustrato ed esposto ai cittadini e ai simpatizzanti presenti numerosi nella piazza. Questi giovani spero siano immediatamente individuati e segnalati con l’auspicio di un loro rimpatrio”.

“Il nostro Partito – sottolinea il Sen. Paolo Arrigoni –  ha subito negli anni offese da chi ci definisce razzisti perché vogliamo il bene e la sicurezza dei cittadini italiani. Mai è accaduto che nostri militanti o simpatizzanti siano andati a minacciare o creare danno contro chi la pensa diversamente. Quello che è accaduto è frutto di questa campagna contro Matteo Salvini e  la Lega. Non ci intimidiscono – ha concluso Arrigoni – noi abbiamo l’affetto di tanti militanti, simpatizzanti e semplici cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *