Scalabroni, da Partigiano ad Artigiano, l’incredibile gaffe del Comune di Ascoli Piceno

Ascoli Piceno – E’ avvenuta questa mattina, in occasione delle celebrazioni per la resistenza ascolana, iniziata il 3 Ottobre 1943, l’intitolazione di un giardino di Piazza Immacolata a William Scalabroni, storico esponente del movimento, scomparso lo scorso Febbraio dopo essere stato investito in Viale Marconi.

Tuttavia la vicenda si è tinta subito di fosco. Alla presenza del sindaco Guido Castelli e dei familiari di Scalabroni, è stata scoperta la targa, che però non recitava il titolo di “partigiano” ma quello di “artigiano”. Mancava una “P”. All’incredibile gaffe si è tentato di porre rimedio con un pennarello nero.

Un addetto comunale si è arrampicato su una bicicletta e ha corretto grossolanamente la targa. Sui social l’immagine è diventata immediatamente virale ed è iniziata l’indignazione degli attivisti di sinistra, scherniti da quelli di destra.

L’inaugurazione, mal riuscita, è comunque continuata, anche se la targa è poi stata rimossa, tra le proteste, per una prossima sostituzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *