Dietrofront Raggi, terminal bus resta a Tiburtina

Ascoli Piceno – Contrordine. Lo snodo bus per i mezzi provenienti e diretti fuori regione resta Tiburtina. La Raggi è stata costretta a tornare sui suoi passi. Una mozione votata oggi all’unanimità in Campidoglio impegna la giunta a mantenere invariata la situazione attuale. Nelle intenzioni del sindaco, invece, c’era il trasferimento del terminal ad Anagnina.

Vivaci si erano alzate le proteste dei pendolari nelle scorse settimane. Proteste che avevano coinvolto anche alcune forze politiche e molti amministratori tra Marche ed Abruzzo. Una lettera aperta di CasaPound era stata indirizzata al senatore Giorgio Fede. Altre forze avevano presentato interrogazioni parlamentari. La deputata Giorgia Latini aveva scritto proprio al sindaco di Roma. Il PD ascolano aveva chiesto l’interessamento e  l’intervento di Guido Castelli sulla questione.

La notizia, insomma, aveva fatto molto rumore, soprattutto nel Sud delle Marche. L’iniziale perseveranza del Sindaco di Roma aveva preoccupato gli addetti. Virginia Raggi, infatti, si era rifiutata inizialmente di incontrare gli amministratori che ne avevano fatto richiesta, ma oggi è stata costretta alla resa.

Soddisfazione tra pendolari, lavoratori e studenti della capitale che non si erano mai rassegnati ai 40 minuti di percorrenza in più (distanza tra Tiburtina e Anagnina).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *