Tentano di stuprarla a Porta Cappuccina

Ascoli Piceno – Era circa mezzanotte di due sere fa, quando una ragazza di 24 anni si accingeva a buttare l’immondizia in via Bengasi, nel quartiere popolare di Porta Cappuccina.

La ragazza è stata afferrata violentemente per i polsi da un uomo mentre un altro la colpiva, presumibilmente con un bastone, e dandole schiaffi, approfittando del buio della notte.

Secondo quanto raccontato dalla giovane, uno dei due avrebbe anche estratto un coltello, mentre l’altro le sfilava i pantaloni, probabilmente per consumare uno stupro.

Fortunatamente la giovane è riuscita a divincolarsi, grazie ad alcune tecniche acquisite anni fa in un corso di autodifesa, e a correre a casa a tutta velocità per trovare rifugio.

I familiari hanno comunque deciso di accompagnarla al pronto soccorso, dove le sono state diagnosticate ferite guaribili in 5 giorni e la ragazza, sotto shock, ha ricevuto il supporto di uno psicoterapeuta.

Stando a quanto riferito dal Resto del Carlino,che ha divulgato i dettagli della vicenda, la 24enne ha sporto denuncia ai Carabinieri, cui spetterà di far luce sull’episodio e trovare i responsabili. Nel frattempo la voce si è sparsa in città e soprattutto nel quartiere di Porta Cappuccina, dove tante donne cominciano a guardare con preoccupazione le uscite serali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *