Centro storico, in dieci anni chiuso un negozio su quattro (-25%)

Ascoli Piceno – I dati allarmanti sono stati lanciati da ConfCommercio e confermano la percezione comune del declino del centro storico di Ascoli Piceno.

Secondo i dati analizzati mettendo in raffronto il 2018 con i numeri del 2008 il quadro è fortemente preoccupante: crollo del 24,6% di negozi a sede fissa e dello 0,6% di pubblici esercizi. In pratica, in soli 10 anni, 1 negozio su 4 ha chiuso i battenti. C’è il 25% di negozi in meno per l’utenza.

Ma nonostante ciò i canoni di locazione non sono ribassati, anzi, hanno registrato un aumento del 27,5%. Due assunti, che se messi in relazione, danno vita ad un futuro tutt’altro che rassicurante per il commercio del centro storico.

“E’ tutto il comprensorio ascolano che soffre. – afferma Ugo Spalvieri, presidente della sede Confcommercio di Ascoli Piceno – Il Centro Storico è sicuramente la punta dell’iceberg, ma tutto il resto del mondo imprenditoriale è in affanno. La povertà tra i cittadini aumenta, il recupero post-terremoto è stagnante, la popolazione diminuisce ed invecchia: sono segnali di forte preoccupazione che richiedono interventi significativi ed urgenti di sgravi economici per il mondo imprenditoriale e di investimenti specifici per il territorio, anche con il riconoscimento di area svantaggiata come recentemente richiesto da Confindustria ed Ordine dei Dottori Commercialisti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *